“Milioni di passi” è il progetto che “Medici Senza Frontiere” ha illustrato alla VG dell'Iss “Ferraris Pancaldo”

Oggi il fenomeno della migrazione è molto sentito nel nostro paese per via dei continui flussi migratori che affollano il mediterraneo e la rotta balcanica.

medici senza frontiere 2

Sono persone che, per via delle numerose zone di guerra sparse per il mondo, sono costrette a spostarsi verso frontiere più sicure in cerca di pace. Di questo argomento si è parlato qualche giorno fa all'ISS “Ferraris Pancaldo” durante l'incontro tra due esponenti di Medici Senza Frontire e gli studenti della VG.

medici senza frontiere 4Nicola Pisani, architetto che lavora per MSF, assieme al mediatore culturale, Ahmad Al Rousan, hanno illustrato ai ragazzi il progetto “Milioni di passi”, che è campagna di MSF per far comprendere il perché della fuga di persone da guerre, crisi e povertà.

Entrambi gli esponenti locali di MSF hanno spiegato, attraverso il supporto di filmati, l'attività che svolgono all'interno dell'organizzazione internazionale, come operano nelle zone in cui ci sono conflitti, come aiutano queste popolazioni e tentano di salvare loro la vita, al di la delle differenze di razza, di religione o di politica, ma anche come lavorano in Italia in tema di accoglienza. Le cronache di questi mesi hanno mostrato per esempio a Ventimiglia il grande disagio che questi individui, tra cui sono presenti tantissimi minori non accompagnati, vivono in attesa di riprendere in mano la loro vita negata dalla guerra.

L'incontro è stato molto partecipato dai ragazzi che si sono mostrati attivi e coinvolti sul tema della migrazione. Grazie al supporto di filmati gli studenti hanno avuto modo di vedere come si svolgono realmente i salvataggi in mare con le navi che operano nel Mediterraneo ma anche come, purtroppo, non sempre si riesce a salvare vite umane, come il caso emblematico di una nave mercantile in cui un marinaio a bordo ha filmato la tragedia in mare che ha provocato delle vittime.

medici senza frontiere 3Un altro aspetto che è emerso durante l'incontro è che la migrazione non è un fenomeno solo italiano ma i dati statistici mostrano che in altri paesi europei la presenza di migranti è maggiore rispetto all'Italia così come anche per esempio negli Stati Uniti il fenomeno della migrazione dei messicani è addirittura maggiore rispetto a quella europea.

Al di la dei dati statistici (Tabella in basso) quello che più ha colpito i ragazzi è stato l'esperienza di vita vissuta da queste persone che arrivano in Italia dopo aver viaggiato per mesi ed aver subito traumi che si portano addosso.

MSF, inoltre, opera nel mar Mediterraneo con tre navi e personale opportunamente equipaggiati, la “Bourbon Argos”, la "Dignity" e la "Aquarius" in collaborazione con "SOS Mediterranee", dopo che si è conclusa l'operazione “Mare Nostrum”. La missione ha il compito di salvare le imbarcazioni in difficoltà e nella quale ha più volte ha partecipato, a queste operazioni Ahmad Al Rousan, come mediatore.

Prossimo appuntamento con MSF si svolgerà a febbraio durante lo stop didattico quando ci sarà un incontro con i nostri ragazzi.

Di seguito il link con l’aggiornamento dei dati

https://drive.google.com/drive/folders/0B2a_qD5wRgPoaXc2QkZfSDNzNzA?usp=sharing

 

Immigrazione in Italia

Romania

1.131.000

Albania

490.000

Marocco

449.000

Cina

265.000

Ucraina

226.000

Filippine

168.000

India

147.000

Moldavia

147.000

Bangladesh

115.000

Perù

109.000

Condividi questo articolo
PLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT

lab

lab

leon-pancaldo