IL “FERRARIS PANCALDO” ALLA GIORNATA DI STUDIO SU BULLISMO E CYBERBULLISMO

0002

Savona, 16 maggio – La 2 I del “Ferraris Pancaldo”, accompagnata da Antonella Frugoni e Roberto Notarangelo, ha rappresentato l'istituto di via La rocca alla “Giornata studio su bullismo e cyberbullismo” fortemente voluta e ben organizzata dal Dirigente dell’Ufficio III Ambito Territoriale di Savona, Aureliano Deraggi.

 “Stamattina ho percepito fortemente un grande calore umano trasmesso dai ragazzi – ha detto Aureliano Deraggi –, la platea è stata molto attenta e motivata e i giovani sono sembrati ben consapevoli delle problematiche del tema che abbiamo trattato”.
All'evento erano presenti diverse scuole di Savona e provincia, tra cui, oltre al “Ferraris Pancaldo” anche il “Mazzini – Da Vinci”, il liceo scientifico “Grassi”, il liceo classico “Chiabrera”, il liceo “Della Rovere”, ITC “Boselli”, il liceo scientifico di Loano “Falcone”, il “Galileo “di Alassio, l'alberghiero di Finale, il liceo scientifico “Issel” di Finale Ligure, l'Itis “Patetta” di Cairo Montenotte, il liceo “Calasanzio” di Carcare.
Tanti gli interventi, della mattinata, degli esperti che hanno approfondito, da diversi punti di vista, il tema caldo del bullismo ma soprattutto del cyberbullismo. Da cristina Maggia, procuratore della repubblica presso il tribunale per i minorenni di Genova, che in questi ultimi anni ha seguito numerose indagini su alcuni casi di bullismo anche a Savona, Roberto Surlinelli, direttore tecnico capo compartimento per la Liguria della polizia postale, molto conosciuto nelle scuole del territorio come formatore di ragazzi, insegnanti e genitori sulla prevenzione e il contrasto al cyberbullismo e sui rischi nell’utilizzo della rete e dei social, Maura Montalbetti, psicologa e assistente sociale presso il Centro giovani di Savona, a Bagnasco, responsabile regionale contro il Bullismo.

0001
Altrettanto interessante è stato l'intervento dei ragazzi, tra cui Oscar Balbo della 2 I del “Ferraris Pancaldo” che ha parlato dell'esperienza del progetto “Non chiamatele bravate” che la scuola ha realizzato per i ragazzi. Tutti i giovani partecipanti sono stati poi insigniti del titolo di “Tutor” con il preciso compito di mettere a disposizione la propria formazione e ascoltare i compagni che subiscono atti di violenza verbale e fisica, che probabilmente si aprono più facilmente rispetto al raccontare i fatti a un adulto.
Quello che però dà un quadro più preciso del fenomeno di bullismo, almeno nella provincia di Savona, è la “Ricerca Social network cyberbulling e sexting”, condotta sugli studenti degli istituti superiori di Savona, ai quali parteciperà anche il “Ferraris Pancaldo” . Lo studio, realizzato in forma anonima, da Maura Montalbetti e Chiara Grasso ha evidenziato che su un campione di 832, tra studenti e studentesse, il 98% dei ragazzi a 14 anni è iscritto ai social network, il 37% degli intervistati sostiene di non provare emozioni quando naviga sui propri profili, il 19% fa sexting davanti a PC, 11% è vittima di bullismo.
“Manca la consapevolezza in molti dell'uso dei social, - ha sostenuto la Montalbetti - sarebbe importante fare la stessa ricerca su classi frequentate da più piccoli, i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado”.
La giornata si è conclusa con un seminario dedicato ai docenti e ai genitori, nella sala degli avvocati del tribunale di Savona in cui sono intervenuti oltre agli esperti della mattina anche Maria Teresa Vacatello, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Molassana di Genova, che ha illustrato il Metodo delle Narrazione e della Riflessione, una metodologia educativo-didattica di prevenzione del disagio e Fiorella Operto, presidente della scuola di robotica educativa di Genova, le quali hanno collaborato insieme con Regione Liguria, Ufficio Scolastico Regionale e Polizia di Stato all’attivazione del progetto S.U.N. (“Smart Use of Network”), che nelle scuole liguri ha contribuito notevolmente alla formazione di una cittadinanza responsabile e consapevole per una nuova generazione di Smart Citizens e Marta Arnaldi, coordinatrice di progetti pedagogici e socio-cultur.

0003

Condividi questo articolo
PLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT

lab

lab

leon-pancaldo