CHI È E COSA FA UN GRAPHIC DESIGNER?

Opportunità infinite quantro la creatività

graphic

Una domanda che in molti si pongono, soprattutto in questi ultimi anni con l'aumento esponenziale la comunicazione web in particolare e i socialmedia in generale.
Proviamo a raccontarlo in poche parole
É il progettista della comunicazione visiva. Si muove a suo agio in un territorio ampio e multiforme, che spazia dalla grafica tradizionale alle nuove frontiere dei media digitali, sposando mestieri tradizionali e nuove logiche espressive.
Sa "leggere il bello" in ciò che lo circonda, è appassionato di arte e sa cosa fa tendenza: tutte caratteristiche che gli permettono di rispettare logiche commerciali e dinamiche sociali. È un creativo che impiega la sua tecnica in tutto ciò che è visivo nella comunicazione: dal packaging alla grafica di un film, dal logo di un nuovo prodotto al design di un marchio di tendenza.
Ma quali studi fare? E dopo la scuola?
Durante il percorso scolastico un graphic designer imparerà a lavorare sui software come PhotoShop e Indesign, rogrammi che non vanno sia su Machintosh e su Windows.
Finita la scuola potrà andare a lavorare nell'industria cinematografica, aprire una partita IVA , lavorare come insegnante, creare loghi, siti web o aprire uno studio. É una figura professionale che lavora nel settore della grafica e delle arti visive. Il suo lavoro consiste principalmente nel creare prodotti di comunicazione visiva, intesi per essere stampati, pubblicati o trasmessi tramite i media elettronici allo scopo di comunicare un messaggio al pubblico nel modo più semplice ed efficace, tramite il testo e le immagini.
Un grafico lavora anche nel settore marketing per fare in modo che l'immagine di una campagna rimanga impressa nella mente di chi la guarda, il successo più grande per un desin...
nikePrendiamo per esempio il baffo della nike è frutto di uno studio che Knight commissionò a Carolyn Davidson, una giovane studentessa di graphic design. Il compenso pattuito fu di 35 dollari. Non male per un marchio che oggi vale quasi 14 miliardi (stima 2010). Carolyn lavorò per la Nike fino al 1983, ma venne congedata con i più sentiti ringraziamenti e un anello di diamante a forma dello swoosh, in aggiunta a una busta con un certo numero di azioni.

di Andrea Martini & Giulio Vallarino

Condividi questo articolo
PLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT

lab

lab

leon-pancaldo